.
Annunci online

gpdivino
UN MONDO DIVINO PER INTENDITORI DI VINO


Diario


30 maggio 2007

Radiazioni, cibo per funghi

Massicce dosi ionizzanti aumentano la velocità di crescita di alcune specie. Spiegato un fenomeno già osservato dopo Chernobyl

Oltre alla materia organica che decompongono, i funghi sembrano avere un altro “piatto preferito”: le radiazioni. La prova arriva da un gruppo di ricercatori dell’Albert Einstein College of Medicine dell’Università di Yeshiva (New York, Usa), che hanno testato il tasso di crescita dei funghi esposti a radiazioni ionizzanti.

La maggior parte dei funghi posseggono la melanina - lo stesso pigmento che negli esseri umani è presente nelle cellule della pelle – ma finora la sua funzione biologica non era ancora stata chiarita. Sembra invece che, proprio grazie ad essa, questi funghi siano in grado di catturare alcune radiazioni e servirsene come fonte di energia per la crescita, esattamente come le piante utilizzano la clorofilla per convertire la luce solare in energia chimica.

Le prime evidenze di questa insolita caratteristica risalgono ai primi anni Novanta, quando un gruppo di ricercatori dell’Istituto di microbiologia e virologia di Kiev (Ucraina) si era accorto della maggiore velocità di crescita di funghi esposti alle radiazioni di Chernobyl. Il nuovo studio, avviato cinque anni fa e ora pubblicato su Plos One, dimostra che in effetti alcune radiazioni aumentano in modo significativo la crescita dei funghi con melanina. Due tipi di funghi in particolare (Crytococcus neoformans e Wangiella dermatidis) sono stati esposti a livelli di radiazioni ionizzanti 500 volte superiori a quelle normalmente presenti a livello del suolo. Gli scienziati hanno osservato che i funghi sono cresciuti a un ritmo tre volte più veloce della norma.

Le radiazioni ionizzanti si trovano in abbondanza nello spazio cosmico. Per questo la scoperta potrebbe rivelarsi utile nelle missioni spaziali, dal momento che alcuni funghi sono commestibili e potrebbero rappresentare una fonte di cibo per gli astronauti.




permalink | inviato da il 30/5/2007 alle 17:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo        giugno
 
 




blog letto 24667 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
GUIDA VINI

VAI A VEDERE

GP INFOBROKERS
GP VINO
GP EXPERT
LEONE CANDIDA
GP VINI ERBE
GAMBEROROSSO
VINOPIGRO
viaggiovino
GPMENSA
VITIGNOITALIA
GP NEGOS
IO SONO NAPOLETANO
IL MIO AMICO
NAPOLI
CREATIVO
CASANATURA
MEDICI-94390
CITTABIO
GRILLOSPARLANTE
RICERCA MEDICO
NUTRIMENTI
CUCINA
FACEBOOK


Immaginare. Creare. Innovare SCEGLIERE UN VINO E' UNA DIMOSTRAZIONE DI GUSTO, MA SOPRATUTTO DI CULTURA, PERCHE' IL GIUDIZIO NON E' SOLO VALUTAZIONE DEL PALATO, DEL NASO E DEGLI OCCHI, MA ANCHE DEL CERVELLO. LA SUA SCELTA E' DEL TUTTO PERSONALE, ED E' TANTO PIU' VALIDA QUANTO MAGGIORE E' LA TUA CONOSCENZA, TI DEVI AVVICINARE A LUI COME AD UN AMICO, CON INTERESSE E CON ATTENZIONE, PER COGLIERE LE DELICATE DIFFERENZE CHE LO RENDONO DIVERSO, SPESSO UNICO. SE ASSAGGIANDO UN BICCHIERE DI VINO, COGLIERAI QUESTE SENSAZIONI, QUESTE EMOZIONI, DOVRAI SENTIRTI CONTENTO PERCHE' SEI UNA PERSONA CHE SA' COGLIERE QUANTO DI BUONO LA VITA CI SA' OFFRIRE.

CERCA